Vademecum per prevenire la carie

Vademecum per prevenire la carie

La carie colpisce 8 persone su 10. Sono queste le stime che riporta il Ministero della Salute sul suo portale. Una patologia infettiva cronico degenerativa che, una volta conclamata, richiede l’intervento del dentista e l’otturazione del dente. Un intervento necessario, ma che non previene il fenomeno. Per evitare che la carie compaia, dunque, è importante andare all’origine del problema e imparare a contrastarlo alla base.

I sintomi
Mal di denti? Sensibilità dentale aumentata in particolar modo a contatto con cibi freddi, caldi o zuccherini? Probabilmente si è in presenza di carie, a volte già visibile ad occhio nudo. Una volta che la carie è presente l’intervento del dentista è d’obbligo. Cosa si può fare per evitare che ciò accada?

I fattori determinanti
La carie si sviluppa a causa di batteri in grado di creare un ambiente acido nella bocca che a sua volta permette la crescita di un maggior numero di batteri acido-produttori. Le condizioni della bocca che favoriscono la proliferazione di questi batteri possono crearsi già a partire dai primi mesi di vita dei bambini. Alla base di questi condizioni possono esserci una dieta ricca in zuccheri e una scarsa igiene orale.

Una questione di zuccheri
10% delle calorie totali della giornata: questo è il valore massimo consentito per l’assunzione di zuccheri aggiunti dai cibi e dalle bevande. Una percentuale che si raggiunge molto facilmente se non si presta attenzione a caramelle, merendine, biscotti e succhi di frutta. Per questo è importante educare i più piccoli ad una corretta dieta alimentare. Un consiglio: anche l’assunzione di frutta omogeneizzata, centrifugata o frullata contribuisce a raggiungere il totale del 10%. Infatti, tranne che nella frutta fresca, in tutti gli altri casi gli zuccheri si slegano dalle fibre contribuendo a creare terreno fertile per la carie. 

Attenzione alla saliva
La carie può essere considerata una malattia contagiosa. Lo è però solo nei primissimi anni di vita, ovvero quando la bocca di un bambino e la sua colonizzazione da parte dei batteri è in divenire. I batteri vengono veicolati tramite gli scambi di saliva con i genitori o con i coetanei. Se il genitore ha una bocca sana, quindi, passerà batteri sani, diversamente passerà batteri cariogeni che, se troveranno un ambiente favorevole, faranno partire il processo della cariazione.

L’importanza di una buona igiene orale
Lavarsi i denti dopo i pasti è di estrema importanza, ma ci sono casi in cui è meglio attendere 30-40 minuti prima di procedere con l'igiene, per esempio se si ha una abrasione dentale oppure anche se si sono bevute bevande acide (come la spremuta). In questi casi si può sciacquare la bocca con acqua e masticare una gomma allo xilitolo. Una posologia che può risultare utile per proteggersi dalle carie può prevedere la masticazione di 2 gomme allo xilitolo senza zucchero per qualche minuto, tre volte al giorno. In questo modo si accoppia l’azione della gomma da masticare di catturare detriti di cibo a quella dello xilitolo, dolcificante naturale che contrasta la crescita dei batteri cariogeni.

Sembra chiaro che la prevenzione della carie deve passare prima di tutto per una corretta educazione, alimentare e a livello igienico. L’instaurarsi di un corretto stile di vita è basilare già nei bambini piccoli, e non c’è miglior modo per farlo che dare il buon esempio. 

In aggiunta, si consigliano delle periodiche visite dal dentista anche per semplici controlli. Le Dental Unit di GVM Care & Research grazie alla professionalità dei nostri specialisti odontoiatri e alla continua innovazione delle modalità di cura, eroghiamo prestazioni odontoiatriche che vanno dai Check Up di prevenzione, alla cura ed estetica dentale, sino all’implantologia innovativa a carico immediato.




Condividi

Trova una sede Prenota una visita Chiedi informazioni