Quando un dente devitalizzato fa male

Quando un dente devitalizzato fa male
Il dolore ai denti è sempre una spia che deve far ricorrere tempestivamente al proprio dentista di fiducia, l’unico in grado di capire non solo l’origine del dolore, ma anche come intervenire. Tra le cause comuni di dolore ai denti c’è anche il post-devitalizzazione.

Un dente devitalizzato può far male? La risposta è sì, ma bisogna fare attenzione al contesto e alle tempistiche. Può infatti trattarsi di una naturale conseguenza oppure essere un campanello d’allarme da non sottovalutare.


Se un dente appena devitalizzato fa male

La devitalizzazione infatti è una procedura piuttosto diffusa, introdotta per fini conservativi e ricostruttivi quando si rende necessario eliminare la vitalità di un dente compromesso da una carie profonda o da una rottura post-traumatica, e che non è esente dal portare dolore nella fase successiva all’intervento stesso. 
Per alcuni giorni dopo l’intervento, è perfettamente normale sentire dolore al dente devitalizzato alla pressione, durante la masticazione o anche senza particolari stimolazioni. Si tratta in genere di un dolore sopportabile, legato in particolare alla lavorazione dei canali radicolari. Il dolore alla gengiva del dente devitalizzato potrebbe essere conseguenza dell’anestesia locale, ma non va trascurato: l’infiammazione potrebbe essere il sintomo di un’infezione in atto.
 

Dolore a un dente devitalizzato da anni

A volte, il dolore dopo la devitalizzazione può presentarsi dopo mesi o anni ed è indispensabile capirne il motivo. Si possono identificare diverse cause: ascesso dentale, rottura del dente o della radice, eccessiva stimolazione dei recettori di pressione (che non vengono rimossi con le terminazioni nervose), infiammazione dei nervi, del seno mascellare o del legamento parodontale, complicazione dovuta alla presenza di batteri rimasti nella radice. Spesso è proprio l’infezione della radice l’origine del dolore al dente dopo una devitalizzazione ormai lontana nel tempo ed è indispensabile intervenire.
 

Se il dolore al dente devitalizzato è troppo intenso

Quando dopo la devitalizzazione il dente fa male in modo acuto, tanto da risultare insopportabile, è molto probabile che l’infezione trattata fosse particolarmente ampia. Non si deve sottostimare la situazione: la colonia batterica può essersi espansa fino a provocare la formazione di un ascesso. È necessario rivolgersi al dentista, che in genere può prescrivere una terapia analgesica unita a un antibiotico.


Dolore al dente devitalizzato: i rimedi

Quando un dente devitalizzato fa male subito dopo l’operazione, è possibile applicare un po’ di ghiaccio sulla zona interessata e assumere antidolorifici o antinfiammatori per ottenere subito beneficio. Se il dolore persiste in seguito, potrebbe optare per un ritrattamento, così da pulire in modo approfondito i canali. In ogni caso, è sempre essenziale che il paziente si rivolga allo specialista illustrando i sintomi prima di procedere con qualsiasi tipo di rimedio o trattamento.
 
 


Condividi

Trova una sede Prenota una visita Chiedi informazioni