Malocclusione dentale: cos'è e come viene trattata

La malocclusione dentale è una condizione per la quale non si realizza un rapporto corretto e fisiologico tra gli elementi dentali dell’arcata superiore e inferiore, e porta a un'errata chiusura delle arcate dentali.
In condizioni normali, l’arcata superiore è posizionata leggermente più avanti rispetto a quella inferiore, situazione che permette l’equa distribuzione dei carichi durante la masticazione.
Ma di cosa si tratta, nello specifico? Quali sono cause, sintomi e trattamenti?
 
Che cos'è la malocclusione dentale?
 
Possiamo parlare di malocclusione dentale – spiega la dott.ssa Valentina Colabianchi, specialista ortodontista presso la Dental Unit di Clinica Privata Villalba di Bologna – quando il paziente presenta un alterato allineamento dei denti o una loro anomala posizione, chiamata malocclusione dentale, oppure un alterato sviluppo delle ossa mascellari, chiamata malocclusione scheletrica.
 
Normalmente, ciascuna arcata dentaria è costituita da elementi dentali in stretto contatto reciproco e correttamente allineati, che formano una lieve curva, con gli elementi dentali superiori anteriori che si sovrappongono al terzo superiore degli elementi dentali inferiori anteriori.
 
Tutti gli elementi dentali superiori devono essere in contatto con gli elementi dentali inferiori corrispondenti, in modo tale che le forze masticatorie - che possono raggiungere >45 kg nella regione molare e >80 kg quando gli elementi dentali sono stretti durante il sonno - siano ampiamente distribuite.
Se tali forze vengono applicate solo a un numero limitato di elementi dentali, questi denti possono alla fine diventare mobili o mostrare un'usura anomala, nonché sviluppare disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare e disordini a carico dei muscoli masticatori.
 
Si conoscono le cause della malocclusione?
 
Si tratta, in effetti, di un'anomalia strutturale a base genetica, anche se vi sono casi in cui la malocclusione può essere correlata a comportamenti scorretti, come ad esempio il succhiamento del dito o del ciuccio nei bambini, la respirazione orale e non nasale o la deglutizione atipica. Queste abitudini, se protratte troppo a lungo nel tempo, possono causare nei bambini uno spostamento in avanti dei denti superiori e la formazione del cosiddetto “morso aperto anteriore” - presenza di spazi dovuti al mancato contatto fra elementi dell’arcata superiore ed elementi dell’arcata inferiore - con interposizione della lingua e conseguente difficoltà nel raggiungere un modello di deglutizione corretto, nonché possibili problemi di fonazione, ovvero la produzione di suoni vocali e del linguaggio articolato per mezzo della laringe e delle corde vocali.
 
Una malocclusione dentale quali sintomi può provocare?
 
Questa condizione non si manifesta sempre con gli stessi segnali e talvolta può non causare problemi, se non estetici. Alcuni tipi di malocclusione, in particolare se associate ad abitudini viziate, possono favorire l’insorgenza di problematiche a carico dei muscoli masticatori, mentre in altri casi di grave affollamento dentario le manovre di igiene possono essere più complesse da eseguire per il paziente, con conseguente aumento del rischio di carie, gengiviti o malattie parodontali.
 
 
Cosa fare allora in questi casi? Qual è la diagnosi e il trattamento d'elezione?
 
Dopo aver effettuato la diagnosi, che si basa sul verificare se c'è sovraffollamento di denti o “morso inverso”, cioè quando i denti superiori non scavalcano quelli inferiori, e nel misurare le dimensioni della mascella e le differenze tra le arcate. Nei casi più complessi occorre un approccio con l’ortodonzia classica - ortodonzia fissa con apparecchi per allargare il palato - mentre per i casi più lievi esistono soluzioni meno invasive e più confortevoli, come i dispositivi di ortodonzia invisibile per l’allineamento dentale Invisalign® e F22 Aligner.

Questi ultimi, veri e propri strumenti ortodontici, sono costituiti da un set di allineatori realizzati su misura e con un innovativo materiale trasparente che riduce l’impatto visivo del supporto ortodontico, permettendo un maggiore comfort e una migliore igiene orale.
I vantaggi dell’ortodonzia invisibile rispetto a quella tradizionale sono estetici e pratici. Il materiale innovativo trasparente riduce l’impatto visivo indesiderato dell’apparecchiatura metallica tradizionale e rimuove il potenziale disagio psicologico e sociale di dover portare un apparecchio in età adulta. Inoltre, l’apparecchio invisibile essendo fatto su misura, risulta più confortevole e consente un’igiene orale approfondita. Infine, attraverso una simulazione virtuale 3D, è inoltre possibile prevedere, fin dalla prima seduta, la durata della cura e il numero di mascherine necessarie per completare il trattamento.
 
Inoltre, a supporto della Dental Unit, Clinica Privata Villalba è dotata di tecnologie per la Diagnostica per Immagini d’avanguardia, tra cui la TC Volumetrica 640 slices 4D e l’ortopantomografo digitale per la radiografia panoramica delle arcate dentarie e teleradiografia del cranio. Rivolgersi a noi vuol dire poter contare sulla sicurezza dell’odontoiatria in ospedale: i nostri dentisti hanno a disposizione attrezzatissime sale operatorie contraddistinte da elevati standard di qualità e possono contare sulla collaborazione interdisciplinare di altri specialisti della struttura.
 
A questo proposito, i Disturbi del Sonno causati dalla malocclusione vengono curati anche nella Sleep Clinic. Di cosa si tratta?
 
In Clinica Privata Villalba è attiva la Sleep Clinic, il centro specializzato nella diagnosi e nel trattamento dei disturbi e delle patologie del sonno. Il punto di forza del centro è la gestione integrata del paziente da parte di un’équipe multidisciplinare composta da diversi specialisti esperti certificati in Medicina del Sonno. Neurologo, odontoiatra, otorinolaringoiatra, pneumologo, psicologo lavorano insieme per offrire un percorso diagnostico-terapeutico completo e altamente personalizzato su misura del paziente.
 
Alcune della patologie correlate alla malocclusione, quali russamento, Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS), bruxismo e alterazioni temporo-mandibolari, sono anche considerate tra le principali Patologie del Sonno. Nonostante, secondo recenti studi, sia emerso un legame tra i Disturbi del Sonno e la salute odontoiatrica, non tutti ne sono a conoscenza. Per i più, questo legame è ancora poco noto e i pazienti non pensano quindi di poter affrontare l’argomento con il proprio dentista.
In campo odontoiatrico, presso la Sleep Clinic queste patologie vengono trattate attraverso l’utilizzo di apparecchi orali, ovvero dispositivi per l’avanzamento mandibolare, bite per bruxismo o apparecchi per la ventilazione meccanica a pressione positiva continua (CPAP), studiati per migliorare il pattern respiratorio del paziente.
 
 
Per informazioni e prenotazioni
compila il form oppure telefona al numero 051.6443490

Vedi tutte le prestazioni della Dental Unit di Clinica Privata Villalba > vai alla sezione dedicata.


Condividi

Trova una sede Prenota una visita Chiedi informazioni